//
stai leggendo...
Apps, Utilities

TheWallMachine

Oggi vorrei parlarvi di una bella applicazione online TheWallMachine, una WYSIWYG “What you see is what you get” (ciò che vedi è ciò che ottieni, ovvero il risultato finale dell’editing è uguale a ciò che vedi sullo schermo) che permette di creare delle false pagine Facebook. Vi starete forse chiedendo cosa ciò abbia a che fare con il nostro settore. Bene, in realtà si presta benissimo alla fase CREATIVA della tassonomia di Bloom e cioè realizzare e creare degli oggetti digitali. Consiste infatti nel fare realizzare ai ragazzi dei finti profili di personaggi storici oppure protagonisti dei romanzi oppure ancora a ricreare trame di romanzi o opere teatrali; magari in chiave umoristica, ingrediente spesso trascurato nelle scuole italiane. Sorry, si capisce che insegno inglese.

E’ semplicissimo da usare e non richiede competenze di programmazione o informatiche, inoltre ai ragazzi piace moltissimo. Nella home page c’è un tutorial in inglese visivo e comprensibile. Si possono caricare foto ma poi è la creatività dei ragazzi che rende questo strumento interessante.

Per comprendere le potenzialità di questa app credo la cosa migliore sia mostrarvi  alcuni esempi di pagine realizzate dai miei studenti di un Liceo Scientifico in inglese.

Questa è la pagina FaceBook di Dorian Gray dal romanzo di Oscar Wilde.

Oppure questa su Romeo&Juliet “What if Shakespeare were Facebook addicted?”

Sperando di avervi trasmesso la voglia di utilizzarlo, vi auguro di scoprire nuovi usi ancora più creativi anche in altre materie.

 

Annunci

Informazioni su lacimetta

English teacher, mum, blogger, interested in Web 2.0 and its impact on learning, education & literature.Love poetry, travelling, photography, movies, music, yoga, new technologies, my Irish skies and my dog Kobe. Born in Turin, lived in Udine, Dublin and Pordenone.

Discussione

Trackback/Pingback

  1. Pingback: The Wall Machine | Il blog di Antonio Spoto - 25 maggio 2014

  2. Pingback: FINE ANNO!! | BLOGGISH - 9 giugno 2014

  3. Pingback: Creiamo false pagine Facebook: un modo diverso di apprendere con The Wall Machine | Lim e dintorni - 29 agosto 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter

Articoli Recenti

BlogItalia - La directory italiana dei blog
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: